You are here: Home Servizi Registro imprese new PEC - Posta Elettronica Certificata
Navigation
Lìmen Museo d'Arte Vibo Valentia - Premio Internazionale Lìmen Arte

Banner Museo Limen

PID – Punto Impresa Digitale
 


rivista

Copertina_1_2013

VibovagandoeVibogustando: Il Portale del Turismo in provincia di Vibo Valentia

logo vibovagando bianco

Dieta Mediterranea di Riferimento

Dieta Mediterranea di Riferimento

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

Contratti di Rete: Portale informativo

Contratti di rete new

diritto annuale: da oggi calcoli e paghi online

Banner diritto annuale

Filo: il portale per la formazione, l'imprenditorialità, il lavoro e l'orientamento

Banner filo

LEI Italy - Legal Entity identifier

Banner LEI ITALY

a.s.po. vibo valentia - azienda speciale per il porto di vibo valentia

Banner ASPO + FOTO

 
Document Actions

PEC - Posta Elettronica Certificata

Cos'è la PEC

La Posta Elettronica Certificata (PEC) è un sistema di comunicazione simile ad una normale e-mail ma con caratteristiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione tali da conferire al messaggio inviato efficacia giuridica del tutto equivalente alla tradizionale raccomandata cartacea con ricevuta di ritorno. 

Il Sistema di Posta Elettronica Certificata garantisce:

  • la certificazione dell'invio mediante emissione di una ricevuta di accettazione che attesta la data e l'ora della spedizione ed i destinatari.
  • la certificazione della consegna mediante emissione di una ricevuta di consegna che attesta la data e l'ora di consegna ed il contenuto consegnato.

La normativa per le società

L'art. 16, comma 6  e 6-bis del D.L. n. 185 del 29/11/2008 (convertito con modifiche nella Legge n. 2 del 28/01/2009), entrato in vigore il 29/11/2008, stabilisce che:

  • "Le imprese costituite in forma societaria sono tenute a indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata nella domanda di iscrizione al registro delle imprese...";
  • “Entro tre anni dalla data di entrata in vigore del presente decreto tutte le imprese, già costituite in forma societaria alla medesima data di entrata in vigore, comunicano al registro delle imprese l'indirizzo di posta elettronica certificata";
  • “L’Ufficio Registro Imprese che riceve una domanda di iscrizione da parte di un’impresa costituita in forma societaria che non ha iscritto il proprio indirizzo di posta elettronica certificata, in luogo dell’irrogazione della sanzione prevista dall’art. 2630 del Codice Civile, sospende la domanda per tre mesi, in attesa che essa sia integrata con l’indirizzo di posta elettronica certificata”.

Pertanto:

  • Le società costituite dal 29/11/2008 in poi devono obbligatoriamente comunicare, nella domanda di iscrizione al Registro Imprese, il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) e le sue successive variazioni;
  • Le società costituite prima del 29/11/2008 che non  hanno ancora comunicato l’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) al Registro Imprese si vedranno sospendere, per tre mesi, tutte le domande presentate per l’iscrizione di un atto o di un fatto nel Registro Imprese e nel REA con la sola eccezione delle domande di deposito (p. es.: Bilanci di esercizio) in attesa che la stessa sia integrata con l’indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC).

La normativa per le imprese individuali

Il  D.L. n. 179 del 18/10/2012 (convertito con modifiche nella Legge n. 221 del 17/12/2012), entrato in vigore il 20/12/2012, ha esteso alle imprese individuali l’obbligo di comunicazione della Posta Elettronica Certificata (PEC) al Registro Imprese.

Pertanto

  • Le imprese individuali che presentano domanda di prima iscrizione al Registro imprese dal 20/12/2012 in poi devono obbligatoriamente comunicare, nella domanda,  il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) e le sue successive variazioni;
  • Le imprese individuali già iscritte al Registro Imprese prima del 20/12/2012 devono comunicare il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) e le sue successive variazioni  entro il 30/06/2013:
  • Dalla data del  01/07/2013 le imprese individuali iscritte al Registro Imprese che non hanno comunicato il proprio indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) si vedranno sospendere, per quarantacinque giorni, le pratiche presentate fino ad integrazione delle stesse con l’indirizzo PEC; trascorso inutilmente tale periodo la pratica si intenderà non presentata.

Le imprese individuali inattive e quelle soggette a procedure concorsuali non sono obbligate ad iscrivere il proprio indirizzo di PEC al Registro Imprese.

I soggetti obbligati

Sono tenute alla comunicazione della PEC al Registro Imprese:

  • le imprese individuali:
  • le società di capitali e di persone;
  • le società semplici;
  • le società di cooperative;
  • le società in liquidazione;
  • le società estere che hanno in Italia una o più sedi secondarie;

Ai sensi dell’art. 1, comma 19, n. 2-bis, della Legge n. 228 del 24/12/2012 anche i curatori fallimentari, i commissari liquidatori ed i commissari giudiziali (nell’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi) hanno l’obbligo di comunicare, entro 10 giorni dalla nomina, il proprio indirizzo di PEC al Registro Imprese.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha altresì chiarito (parere n. 223761 del 24/11/2011) che:

  • le società in fallimento non rientrano tra i soggetti obbligati alla comunicazione della PEC al Registro Imprese;
  • per società in concordato preventivo, nella fase che precede l'omologa, per quelli non liquidatori o in "prosecuzione dell'attività" è il legale rappresentante obbligato alla comunicazione della PEC al Registro Imprese;
  • nel caso di concordati liquidatori in fase di post-omologa l'obbligo è invece posto a carico del liquidatore. 

Come comunicare la PEC al Registro Imprese

La PEC deve essere comunicata al Registro Imprese con le modalità previste dal D.L. 31/01/2007 n. 7 convertito con modificazioni nella Legge n. 40 del 02/04/2007 (Comunicazione Unica per la nascita dell'impresa):

Per le società:

  • utilizzando ComUnica-StarWeb o ComUnica-Fedra  per il tramite di un soggetto abilitato alla trasmissione delle pratiche al Registro Imprese;
  • direttamente dal Legale Rappresentante della società, purché munito di firma digitale, utilizzando l’apposita procedura semplifica online.

Per le imprese individuali

  • utilizzando ComUnica-StarWeb per il tramite di un soggetto abilitato alla trasmissione delle pratiche al Registro Imprese;
  • direttamente dal titolare dell’impresa, purché munito di firma digitale, utilizzando l’apposita procedura semplifica online.

La comunicazione della PEC può essere effettuata, esclusivamente per le società, anche dai Professionisti individuati dall'art. 31, comma 2-quinquies della Legge n. 340/2000 (c.d. Professionisti Incaricati) dichiarando nella pratica:

  • l'incarico ricevuto da parte del Legale Rappresentante della società, la propria iscrizione all'Albo Professionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili;
  • l'inesistenza di procedimenti disciplinari a proprio carico.

Qualora il dispositivo di firma digitale del professionista sia dotato di "certificato di ruolo" non è necessario rendere le citate dichiarazioni.

Le istruzioni dettagliate per la compilazione della modulistica e l'inoltro della comunicazione della PEC al Registro imprese sono contenute nel "Manuale di Comunicazione della PEC" predisposto dalla Camera di Commercio di Vibo Valentia. 

Diritti di segreteria

La comunicazione al Registro Imprese del solo indirizzo PEC e delle sue eventuali variazioni è esente da diritti di segreteria e da imposta di bollo.

Si precisa però che eventuali comunicazioni dell'indirizzo PEC effettuate contestualmente alla comunicazione di altre modifiche (variazione indirizzo sede, inizio/modifica attività, nomina/conferma/cessazione amministratori, ecc.) comporterà il pagamento dei dovuti diritti di segreteria e imposta di bollo.

La comunicazione al Registro Imprese dell’indirizzo di PEC da parte dei curatori fallimentari, dei commissari liquidatori e dei commissari giudiziali (nell’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi) è soggetta a diritti di segreteria per € 10,00.

La PEC nelle pratiche di Comunicazione unica

La procedura di Comunicazione Unica per la nascita dell'impresa, istituita dall'art. 9 del D.L. n. 7/2007, comporta l'utilizzo della PEC per ogni comunicazione tra l'impresa (o i suoi intermediari), l'Ufficio del Registro Imprese e gli altri Enti coinvolti.

Sia per le società che per le imprese individuali, esiste la possibilità di richiedere una casella di Posta Elettronica Certificata appartenente al dominio "@pec.it" al momento stesso di presentare la ComUnica.

In tal caso:

  • la casella PEC può essere richiesta mediante compilazione degli appositi campi degli applicativi ComUnica o StarWeb. (nel caso che l'indirizzo prescelto risulti già assegnato ad altro utente, la prativa verrà rifiutata e sarà necessario effettuare un nuovo invio);
  • nella distinta di Comunicazione Unica, da firmare digitalmente, vengono inserite le condizioni contrattuali di utilizzo della casella PEC  che sarà assegnata all'impresa;
  • la casella è gratuita per 6 mesi;
  • la creazione della casella PEC viene notificata via e-mail all’indirizzo di posta elettronica indicato nel modello di ComUnica;
  • lo spazio disponibile è di 1 GB;
  • la casella potrà ricevere ed inviare messaggi di posta elettronica non certificata;

E' opportuno precisare che l'assegnazione della PEC contestuale all'invio di una pratica di Comunicazione Unica non assolve all'obbligo previsto dall'art. 16, comma 6 del D.L. n. 185/2008 in quanto non rappresenta il domicilio elettronico dell'impresa bensì la domiciliazione eletta unicamente per le comunicazioni relative al singolo procedimento, fino all'esito finale di quest'ultimo.  

Documentazione

- Guida Completa pratica PEC per Imprese Individuali e Società

- Guida Pratica PEC Procedura Semplificata per Imprese Individuali

- Circolare Ministeriale n. 3645_C
- Parere Ministeriale n. 217126
- Parere Ministeriale n. 217140
- Parere Ministeriale n. 217149
- Parere Ministeriale n. 223137
- Parere Ministeriale n. 223761
- Lettera circolare Ministeriale n. 224402
- Lettera circolare Ministeriale n. 146535 del 10/09/2013





pagina aggiornata al 03/04/2013


servizi del registro imprese

 Banner Ateco

 

          


Banner_Startup




Registroimprese_New_2013


banner_pec_impresa_individuale


starweb


Servizio on line viviFir - Vidimazione Formulari Identificazione Rifiuti

banner vivifir

Progetto "O.K. Open Knowledge"

Logo Open Knowledge

Emergenza Covid-19

Banner Solo per Appuntamento

Webinar gratuiti per il Deposito dei Bilanci

Banner Campagna Bilanci 2021 Webinar DIRE

EMERGENZA COVID-19

Banner COVID 19 2

Firma digitale: richiedila online

Banner remotizzazione 220x220

Impresa Italia


Portale MEPA

Banner MEPA

Accorpamento Camere di Commercio Catanzaro - Crotone - Vibo Valentia

 Nuovo Banner Accorpamento

Qualità e qualificazione delle filiere del Made in Italy

Banner QeQFiliere 

Certificazione Elettronica: Codice univoco Ufficio

Banner CUU

Certificati e Visure in Inglese

Banner CeV in Inglese

Piattaforma per la certificazione dei crediti

Banner Certificazione Crediti

nuova visura registro imprese e "QRCode"

Visura 2.0

Nuovo portale informativo per la fatturazione elettronica

Banner fattura elettronica

conciliazione

Banner X Settimana della Conciliazione

registroimprese.it

Banner_ri_220x200d

servizio di verifica autocertificazioni per le pubbliche amministrazioni

Stop ai certificati - Art. 15 Legge 183/2011

stop ai certificati

gestirete, archivierete, incontrerete

gestirete

 

Powered by Plone CMS, the Open Source Content Management System

This site conforms to the following standards: